Crostata al gelo di anguria

Livello Facile

Questa è la mia torta: il dolce che amo di più, estivo, fresco, profumato. Il dolce del mio compleanno. Me l’avete chiesta in tanti dopo averla vista in tv. E sono felice di donarvi la ricetta, affinché diventi anche vostra. Per estrarre il succo dall’anguria (che a Palermo chiamiamo mellone, con due ll!) io ho usato uno schiaccia patate. Ma se avete un estrattore, usate quello. Si fa in un attimo…

Ingredienti

PER LA FROLLA

  • 350 grammi  farina 00
  • 150 grammi burro (non freddo)
  • 150 grammi zucchero
  • 2 tuorli e 1 uovo
  • Una bustina lievito
  • Una di vanillina
  • Un pizzico di sale
  • Scorza di limone non trattato

PER IL GELO

  • 1 litro di succo di anguria già filtrato  (occorrono circa 2 kg di anguria)
  • 90 gr. amido di mais
  • 200/250 gr zucchero (lo zucchero varia a seconda di quanto è dolce il frutto, più dolce è meno zucchero occorre)
  • 50 grammi gocce di cioccolato
  • Un cucchiaino di cannella

PER LA DECORAZIONE

  • Miele
  • Granella di pistacchi
  • Fiori di gelsomino

Procedimento

Grattugiare la scorza del limone e unirla allo zucchero. Unire la farina il burro e le uova e gli altri ingredienti. Lavorare e creare l’impasto. Avvolgere nella pellicola e fare riposare un’oretta

Per il gelo:

Mescolare con un cucchiaio di legno amido e zucchero nel tegame dove dovrà essere cucinato. Mettere poco succo di anguria e continuare ad amalgamare, aggiungere altro succo. Mettere sul fuoco il tegame e sempre mescolando aggiungere tutto il succo: non deve formare grumi. Mescolare sempre fino a cottura ultimata che avverrà circa due tre minuti che inizia a bollire. A metà cottura aggiungere la cannella. Mettere in una pirofila e coprire con carta forno bagnata e strizzata. Appena freddo aggiungere gocce di cioccolato.

Preparare la base della crostata, mettere i bordi fino a coprire a metà la teglia. Bucherellare la base con la forchetta. Aggiungere il gelo. Mettere  delle strisce di frolla e chiudete i bordi.

Cuocere per almeno 45 minuti a 180 gradi in forno statico

Appena pronta, spennellate con miele per dare un po’ di luce alla crostata. Aggiungere la granella di pistacchi e i fiori di gelsomino.

Servire ben fredda. Io vi consiglio di mangiarla il giorno dopo la realizzazione. Si conserva per diversi giorni in frigorifero.

condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp