Pidoni messinesi

Livello Facile

I pidoni o pitoni, sono i protagonisti della rosticceria messinese. Guai a voi se andando a Messina, non vi fermate a mangiarne uno. E’ una pasta molto sottile che io ho farcito secondo tradizione, con scarola riccia, pomodorini, primo sale o tuma e pomodorini. Ci sono varie versioni, con o senza lievito. Io ho fatto la ricetta di Tommaso Cannata e secondo me non si sbaglia!

Ingredienti

IMPASTO

  • 1Kg farina 00
  • 470 ml acqua
  • 2 g lievito
  • 50 g strutto
  • 10 g sale

 

RIPIENO

  • Tuma
  • Scarola riccia
  • Pomodoro
  • Acciughe
  • Olio di semi per friggere

Procedimento

  • Impasta tutto mettendo dopo alcuni minuti il sale, quando l’impasto sarà bello liscio fare riposare per circa 20 minuti poi formare delle palline da circa 80 grammi, coprite e mettete in frigo per almeno 12 ore.
  • Dopo la lievitazione, schiacciare la pallina fino ad uno spessore di qualche millimetro mettere al centro dei pezzetti di acciughe dissalate o sott’olio, la tuma o il primo sale, la scarola riccia tagliata finemente e qualche pezzetto di pomodoro maturo asciutto.
  • Prendere un lembo della sfoglia ed appoggiarlo sull’altro facendo una mezzaluna e sigillate con i lembi con una forchetta.
  • Friggete in olio ben caldo (170° circa) per immersione.
  • Servire caldo, va accompagnato di solito con una buona birra cruda oppure con un buon bicchiere di vino bianco tipo grillo

condividi sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp